Articolo Pubblicato il 20 ottobre, 2016 alle 12:06.

Studio 3A e Cra Actv insieme per l’assistenza legale del personale. Il Circolo Ricreativo Aziendale dell’azienda per la mobilità veneziana, che conta ben tremila soci, e la società specializzata a livello nazionale nella valutazione delle responsabilità civili e penali, a tutela dei diritti dei cittadini, nei giorni scorsi hanno siglato un importante accordo di consulenza e collaborazione professionale.

Tra i vari aspetti in cui si sviluppa questa partnership, spicca senza dubbio quello legato alla consulenza e al supporto, sia in ambito civile sia in ambito penale, degli associati del Cra. Un servizio offerto non solo e tanto per le questioni private quanto soprattutto per quelle connesse a fatti ed accadimenti che possono succedere durante il turno di lavoro e che, purtroppo, sono tutt’altro che infrequenti: i casi di aggressione di cui rimangono vittima i conducenti dei mezzi Actv o i controllori sono, ahimè, quasi all’ordine del giorno.

L’Azienda ha introdotto da tempo la tutela legale e la copertura assicurativa per i propri dipendenti. Gli accordi vigenti, tuttavia, prevedono che l’assistenza legale venga fornita solo ai dipendenti che si trovino indagati o imputati di reato (quindi presunti colpevoli di un fatto), in quanto in questi casi è necessaria e obbligatoria una difesa legale, ma non laddove il personale subisca danni da terzi e quindi sia parte lesa.

Una lacuna lamentata qualche mese fa da un autista, aggredito e picchiato a Piazzale Roma, a Venezia, durante il servizio, ma che era stato appunto costretto a rivolgersi a Studio 3A per avere assistenza durante il procedimento a carico del suo aggressore.

Il presidente dell’Azienda, dott. Luca Scalabrin, ha assicurato il suo impegno per superare questo impasse, e per l’immediato è stato appunto avviato questo ragionamento con Studio 3A, che ora si è anche concretizzato.

In buona sostanza, la società presieduta dal dott. Ermes Trovò, come del resto fa sempre, si accollerà tutti i costi dell’eventuale causa, anticipandoli, e in caso di esito negativo non chiederà nulla al proprio assistito, ma applicherà anche una notevole agevolazione ai tesserati del Cra Actv su tutti i servizi di assistenza forniti.

Uno degli obiettivi del nostro Cra è quello di offrire servizi e prestazioni ai nostri iscritti, e ai costi più favorevoli possibili, e questa crediamo sia senza dubbio un’opportunità interessante, anche perché tocca una delle problematiche e uno dei rischi più frequenti a cui vanno incontro ogni giorno i lavoratori dell’azienda” commenta Sante Vianello, il Presidente del Cra Actv (in foto, il primo da sinistra; al centro il dott. Ermes Trovò, a destra Aldo Marton, Amministratore Cra).

Siamo orgogliosi di essere partner di una realtà così importante. Questa convenzione rappresenta anche un esempio di come, da una situazione di contrasto, parlando e chiarendosi si possa arrivare a un risultato positivo per tutti – conclude il Presidente di Studio 3A, dott. Ermes TrovòLa speranza è che quest’assurda escalation di atti di violenza ai danni conducenti e controllori rientri, ma se dovessero capitare casi o circostanze simili noi siamo pronti a offrire ai dipendenti Actv soci Cra tutta la nostra competenza, professionalità e tenacia affinché non si sentano soli e possano ottenere giustizia”.