Articolo Pubblicato il 29 maggio, 2016 alle 0:12.

L’Antitrust ha comminato sanzioni per complessivi 3 milioni e 310mila euro a tre compagnie assicurative colpevoli di “indebito recupero crediti”: nel dettaglio, un milione e 800mila euro a carico della “solita” UnipolSai, 850mila euro ad Hdi Assicurazioni e 660mila a Uniqa Assicurazioni.

A giudizio dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (in foto, la sede di Roma), le tre società hanno messo in atto “pratiche commerciali scorrette in quanto aggressive” per recuperare i propri crediti. Tali condotte si sono manifestate attraverso l’inoltro sistematico di ricorsi per decreto ingiuntivo (Hdi) e atti di citazione in giudizio (UnipolSai e Uniqua) senza rispettare il foro territoriale competente, ossia quello di residenza del cliente.

Secondo l’Antirust queste pratiche erano mirate a determinare nel consumatore medio, indipendentemente dall’esercizio di un legittimo diritto di recupero del credito in sede giudiziale, un indebito condizionamento, ingenerando così la convinzione che fosse preferibile pagare l’importo richiesto piuttosto che esporsi a un contenzioso giudiziario in un foro diverso. Di qui la “sacrosanta” sanzione.