Articolo Pubblicato il 2 gennaio, 2018 alle 10:01.

E’ di trenta incidenti mortali, con 32 deceduti, dieci dei quali con meno di 30 anni d’età, il tragico bilancio degli sinistri stradali verificatisi nel periodo compreso tra il 22 e il 26 dicembre 2017: a renderlo noto il portale della sicurezza dell’Asaps, specificando peraltro come il dato sia sottostimato in quanto riguarda tutti i sinistri rilevati dalla Polizia Stradale e dai Carabinieri, ai quali vanno poi aggiunti gli incidenti rilevati dalle varie Polizie Locali.

Nel ponte di Natale, Polizia Stradale ed Arma dei Carabinieri hanno attivato notevoli dispositivi di prevenzione e di vigilanza stradale impiegando, in totale, 50.131 pattuglie, che hanno contestato 16.605 violazioni del codice della strada, con 25.030 punti decurtati, 701 patenti di guida e 593 carte di circolazione ritirate, e controllato 13.435 conducenti con etilometri e precursori, a verifica delle condizioni psico-fisiche durante la guida.

Nonostante quest’enorme sforzo, tuttavia, il tributo di sangue pagato dagli utenti della strada è stato terribile. Nei cinque giorni tra il 22 e il 26 dicembre gli incidenti resi noti dal dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno sono stati 1050, con 730 feriti e 32 vittime: uno dei più tremendi si è verificato la sera della vigilia ad Atena Lucana lungo la Statale 598 dove, in uno scontro frontale tra un’auto e un autoarticolato (in foto), sono decedute sul colpo tre persone.

 

Dei trenta sinistri mortali, 3 si sono verificati in autostrada, 18 in strade extraurbane e 9 in centro abitato; 8 hanno riguardato l’investimento di un pedone, 7 uno scontro frontale-laterale tra veicoli, 6 un urto contro un ostacolo fisso, 4 un tamponamento, 3 un frontale e due una fuoriuscita. Ancora, 5, il 16,7% del totale, hanno coinvolto veicoli a due ruote, 8 (il 26,7%) sono derivati da perdita di controllo del veicolo da parte del conducente e 12, con altrettanti decessi, si sono verificati tra le 22 di sera e le 6 del mattino.