Più di 550mila euro di sanzioni alle compagnie assicurative per le violazioni commesse.

E’ una “stangata” quella che emerge dal mensile Bollettino di Vigilanza pubblicato il 31 maggio 2021 dall’Ivass e relativo ai provvedimenti sanzionatori comminati dall’organo di controllo del settore nel corso del mese di aprile 2021.

 

Quattordici sanzioni per un totale di 500.735 euro, di cui una da quasi 200mila euro ad UnipolSai

Le sanzioni alle compagnie sono risultate in tutto 14 per un ammontare complessivo, appunto, di 550.735 euro.

L’ingloriosa classifica è guidata da UnipolSai con un’unica multa record da 197.376 euro per il mancato rispetto, per 34 posizioni di danno del ramo R.c. Auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa, nel periodo compreso tra il primo marzo e il 31 agosto 2019.

A “podio” anche Adminal, con due ordinanze sanzionatorie da 30mila e 77.319 euro (anche quest’ultima per la stessa violazione, per undici pratiche, contestata ad Unipol), per un totale di 107.319 euro, e Amissima (una sanzione da 51.030 euro.)

Diciassette, infine, i provvedimenti sanzionatori a carico di intermediari: 6 radiazioni, una cancellazione, sei censure e quattro richiami.