Articolo Pubblicato il 29 agosto, 2016 alle 11:57.

Aumentano gli impatti dei veicoli contro gli alberi e cresce anche il numero di feriti. Almeno i morti sono in calo. Il dato arriva dall’osservatorio creato dall’Asaps (Associazione sostenitori amici della polizia stradale), facendo un bilancio del primo semestre 2016. E il Veneto è la regione dove ne succedono di più.

Intanto i botti sono cresciuti del 23,6 per cento, arrivando a quota 110 contro gli 89 dello stesso periodo dell’anno precedente, con una crescita dei feriti del 20,4 (130 contro i 108), mentre il numero dei decessi è passato da 50 a 48, registrando un meno 4 per cento.

Nei rilievi del 2015 era stata registrata anche la morte di un bambino, sotto ai 13 anni, circostanza che nei primi sei mesi del 2016 non è stata annotata.

La regione primatista è il Veneto, con 33 sinistri, seguita dalla Lombardia (31) e dalla Toscana (27). Giù dal podio, nell’ordine, troviamo il Lazio (23), Abruzzo e Puglia (20), Emilia Romagna (18), Marche (13), Sardegna e Friuli Venezia Giulia (9), Piemonte, Sicilia e Umbria (8), Campania (5), Liguria (4), Calabria (3), Molise e Trentino Alto Adige (1). Basilicata e Valle d’Aosta, invece, sono le uniche a zero.