Articolo Pubblicato il 30 ottobre, 2017 alle 11:41.

Va dichiarata illegittima la multa per eccesso di velocità laddove l’autovelox sia posto al termine di un filare di alberi e, dunque, in posizione malamente visibile dalla carreggiata.

La Corre di Cassazione, sesta sezione civile, ha pubblicato un’altra ordinanza importante sull’annosa questione, la n 25392/2017, respingendo il ricorso di un Comune contro la decisione del Tribunale che, accogliendo l’appello del conducente, aveva dichiarato illegittima la sanzione amministrativa che gli era stata comminata.

All’automobilista era stato contestato di aver percorso con la sua autovettura una strada statale alla velocità di 83 km/h in violazione del limite massimo consentito, pari a 50 km/h; tuttavia, il sanzionato aveva obiettato che la postazione di controllo elettronico della velocità non era visibile, in quanto collocata, appunto, dopo un filare di alberi, e che la segnaletica non era stata posizionata con congruo anticipo.

Per il giudice a quo, indipendentemente dalla percezione delle distanze da parte del sindaco del Comune (le cui dichiarazioni hanno comunque natura confessoria), la descrizione dello stato dei luoghi dove era stato collocato l’autovelox rendeva palese la violazione del combinato disposto degli artt. 142 C.d.s. e 79 del regolamento di esecuzione dello stesso.

Il Comune aveva presentato ricorso in Cassazione, deducendo una motivazione “solo apparente” dell’impugnato dictum, “essendo priva di qualsiasi riferimento fattuale oggettivo allo stato dei luoghi” nonché del riscontro di elementi escludenti, nel caso concreto, una minore visibilità del dispositivo.

Ancora, il Comune deduceva che il riscontro della distanza metrica necessaria per percepire la presenza di un autovelox, “è una valutazione palesemente soggettiva (…) per cui non può (…) valere come una confessione giudiziale” e che, ferma la norma che fissa una distanza minima per il segnale che informi della presenza dell’autovelox, l’avvistamento del dispositivo, regolarmente presegnalato, deve semplicemente essere “ben visibile” in rapporto allo stato dei luoghi e alla “velocità locale predominante“.

Per gli Ermellini, invece, correttamente il Tribunale avrebbe fatto uso della normativa in materia, in particolare del parametro di cui al 6° co. bis dell’art. 142 c.d.s., alla cui stregua “le postazioni di controllo (…) per il rilevamento della velocità devono essere (…) ben visibili“, provvedendo così a una valutazione in toto ineccepibile sul piano della correttezza giuridica e assolutamente congrua ed esaustiva.

Inoltre, aggiunge il Collegio, il cattivo esercizio del potere di apprezzamento delle prove non legali da parte del giudice di merito non dà luogo ad alcun vizio denunciabile con il ricorso per cassazione, non essendo inquadrabile nel paradigma dell’art. 360, 1° co., n. 5, c.p.c., né in quello del precedente n. 4, disposizione che dà rilievo unicamente all’anomalia motivazionale che si tramuta in violazione di legge costituzionalmente rilevante.

Il ricorso del Comune è stato dunque respinto.