Hai bisogno di aiuto?
Skip to main content

La Procura ha concluso le indagini sulla tragedia del Kursaal di Jesolo, il titolare e un preposto della R.G. Impianti di Salzano dovranno comparire in aula il 18 marzo

E’ stato mandato a rimuovere le bombole dell’impianto antincendio, che gli era stato detto essere vuote, senza alcun manometro di prova, che gli avrebbe consentito di appurare come in realtà di gas compresso al loro interno, purtroppo e fatalmente, ve ne fosse ancora parecchio, e senza formazione. E’ questa la causa di fondo, con le solite violazioni delle leggi antinfortunistiche, alla base della “tragedia del Kursaal” costata la vita, a soli 46 anni, a Fabio Da Prat, di Dolo, ma per i suoi familiari, che si sono affidati a Studio3AValore S.p.A., si avvicina l’ora della verità e della giustizia. A conclusione delle indagini preliminari sul drammatico e assurdo incidente sul lavoro occorso il 29 novembre 2021 nel noto “palazzo del Turismo” e Centro Congressi di Jesolo, il Pubblico Ministero della Procura di Venezia titolare del relativo procedimento penale, il dott. Christian Del Turco, ha chiesto il rinvio a giudizio per il suo datore di lavoro, A. S., 47 anni, di Salzano, amministratore unico della R.G. Impianti srl, con sede legale sempre a Salzano, l’impresa per la quale appunto la vittima lavorava, e per un preposto della stessa, M. G., 53 anni di Mira: dovranno rispondere di omicidio colposo in concorso, con l’aggravante di essere stato commesso con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro. E riscontrando puntualmente la richiesta, il Gup del Tribunale lagunare, dott.ssa Daniela De Fazio ha fissato per il 18 marzo 2024, dalle 9.30, presso la Cittadella della Giustizia di piazzale Roma, l’udienza preliminare del processo.

Com’è stato ricostruito nella complessa inchiesta dagli ispettori dello Spisal dell’Ulss 4 Veneto Orientale, dai carabinieri di Jesolo e, soprattutto, dall’ingegner Mario Piacenti, il perito a cui il Sostituto Procuratore ha affidato una consulenza tecnica d’ufficio ad hoc per ricostruire la dinamica, le cause e le responsabilità dell’incidente, l’intervento di manutenzione dell’impianto antincendio, operazione apparentemente di routine, affidata quel “maledetto” giorno a Da Prat e a un collega più giovane, M. T., 35 anni, di Casale sul Sile (Tv), vivo per miracolo, parte da un equivoco di fondo. L’ufficio Lavori Pubblici della Città Metropolitana di Venezia, all’epoca proprietaria del Kursaal, già sede dell’Azienda di Promozione Turistica e successivamente acquisito dal Comune di Jesolo, incarica la R.G. Impianti dell’intervento e fa presente una serie di prescrizioni rilevate da un proprio consulente esterno e da ottemperare per ottenere il Certificato di Prevenzione Incendi, tra cui quella di ricaricare le tre bombole a gas inerte per lo spegnimento collocate nell’interrato: il preposto dell’impresa, nell’inviare i due operai nell’edificio, come gli è stato riferito dice dunque loro che queste sono vuote, e questa falsa informazione, su cui i due faranno pieno affidamento, giocherà un ruolo importante nella drammatica vicenda, anche se, va precisato, la Procura non ha ravvisato responsabilità penalmente rilevanti in capo agli Enti pubblici coinvolti.

Infatti, come chiarisce Piacenti nella sua perizia, la prima operazione che va effettuata nei casi di rimozione delle bombole antincendio, indipendentemente dalle informazioni ricevute, è quella di accertarne il reale stato, se cioè esse siano effettivamente vuote o contengano ancora residui di gas, ma i due lavoratori questa verifica non l’avrebbero mai potuta effettuare “non essendo stati forniti loro dalla ditta dei manometri professionali portatili di prova necessari a operare su impianti antincendio con bombole a gas pressurizzato” per citare la richiesta di rinvio a giudizio, ed è appunto questa la prima negligenza contestata dal Pm ai due imputati.

L’altra, altrettanto grave, colpa specifica, imputata dal magistrato inquirente è quella, per il datore di lavoro, di “non aver adempiuto agli obblighi di informazione, formazione e addestramento dei lavoratori e di aver omesso di valutare i rischi connessi all’attività di manutenzione ordinaria e straordinaria dei sistemi antincendio e di predisporre modalità operative per la gestione delle bombole a gas compresso” e, per il preposto dell’azienda, di aver incaricato i due dipendenti “pur sapendo che erano sprovvisti di adeguata formazione ed informazione sui rischi specifici, che tale tipologia di lavorazione non era stata oggetto di valutazione e che non esistevano procedure operative aziendali dedicate”. I due operai, infatti, non solo “hanno iniziato le operazioni di smontaggio delle bombole senza sincerarsi previamente, con l’apposito manometro (che non avevano), del loro stato, facendo affidamento sulle informazioni ricevute”, ma anche “senza seguire le corrette procedure richieste per la lavorazione specifica, in particolare non posizionando il cappellotto di sicurezza primo dello sgancio della bombola dall’ancoraggio a parete, procedure a loro ignote, in quanto non erano stati formati e informati su rischi e procedure operative” conclude l’istanza di processo del dott. Del Turco.

Il resto, purtroppo, è tristemente noto. Nella fase di rimozione, nel tentativo di spostare una delle bombole si è inavvertitamente innescata la scarica di gas estinguente, e lo stesso è accaduto in sequenza anche per le altre due, con il risultato che i tre dispositivi sono schizzati come missili per tutto il piano interrato travolgendo “nel corso dei loro moti aberranti”, suppellettili, condotte e impianti e una di esse, purtroppo, colpendo in pieno e in modo fatale al capo Da Prat, che è deceduto praticamente sul colpo.

La madre e il fratello della vittima, per essere assistiti, attraverso l’Area manager Veneto Riccardo Vizzi, si sono affidati a Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini, che sta seguendo l’iter risarcitorio con la compagnia di assicurazione dell’azienda, e all’avvocato Andrea Piccoli del Foro di Treviso e ora, di fronte a questo punto fermo dell’inchiesta e alla richiesta di processo, si aspettano finalmente una risposta dalla giustizia.

Caso seguito da:

Dott. Riccardo Vizzi

Vedi profilo →

Scarica gli articoli

Categoria:

Infortuni sul Lavoro Press

Condividi

Affidati a
Studio3A

Nessun anticipo spese, pagamento solo a risarcimento avvenuto.

Contattaci

Articoli correlati


Skip to content