Articolo Pubblicato il 5 aprile, 2016 alle 11:55.

La lasciano cadere dal letto e muore cinque giorni dopo, ma la struttura denega ogni responsabilità. L’ennesimo, grave caso di mala sanità, costato la vita a una novantacinquenne di Quarto d’Altino, nel Veneziano, è successo il 10 gennaio 2015 alla casa di riposo “Carlo Cosulich” di Casale sul Sile, in provincia di Treviso (in foto), gestita dall’Associazione Ca’ dei Fiori Onlus.

La nipote dell’anziana si è rivolta a Studio 3A per fare chiarezza sull’incidente, causato da una serie di leggerezze durante l’operazione di spugnatura a letto, ma la struttura ha chiuso ogni porta rifiutandosi persino di consegnare la documentazione medica dell’ospite.

Inevitabile a questo punto la causa per rendere giustizia all’ultranovantenne e per far valere i diritti dei suoi familiari.