Articolo Pubblicato il 29 gennaio, 2020 alle 11:00.

E’ successo il 12 aprile 2019, l’investitore è stato rintracciato a tempo di record. Ora Studio3A chiuderà anche il capitolo civile: i familiari della vittima saranno risarciti

Ha chiesto di patteggiare la pena di due anni di reclusione, con la condizionale, richiesta accolta dal Pubblico Ministero, il pirata della strada che il 12 aprile 2019 ha travolto e ucciso sull’Aurelia un pedone, il sessantenne di origine marocchina Ahmed Raji, con regolare permesso di soggiorno, residente a Grosseto, dove si è verificato il sinistro: i familiari delle vittima sono assistiti da Studio3A.

La tragedia si è consumata alle 10 di sera. I. S., (oggi) 82 anni, di Magliano in Toscana, nel Grossetano, stava procedendo con la sua Peugeot 106 sulla Statale Aurelia in direzione Roma quando ha investito in pieno Raji, che si trovava all’altezza della linea di mezzeria.

Il pedone, caricato sul cofano, e dopo aver sbattuto contro il parabrezza, è stato visto letteralmente volare, a quanto riferito da altri automobilisti di passaggio, ed è rovinato sull’asfalto: inutili i tentativi di rianimarlo da parte dei sanitari del Suem, accorsi dopo pochi minuti, troppo gravi i politraumi riportati. Ai medici non è rimasto che constatare il decesso. Ma, fatto altrettanto grave, l’investitore non si è fermato a protestare soccorso e ha tirato diritto, dileguandosi.
Gli agenti della
polizia municipale di Grosseto, intervenuti in loco per i rilievi, con il supporto dei carabinieri hanno immediatamente iniziato la “caccia” al pirata, con l’ausilio delle telecamere attive lungo l’Aurelia hanno estrapolato la lista dei passaggi delle targhe dei mezzi transitati in uscita dalla città di Grosseto in quel lasso di tempo e, assieme ai militari, sono andati a controllarle a una a una finché, a tempo di record (all’1.45 di quella stessa notte), hanno scoperto che la vettura di I. S., regolarmente parcheggiata nella corte interna della sua abitazione, presentava il parabrezza infranto sul lato del conducente, chiara conseguenza del terribile impatto della testa del pedone, e il paraurti anteriore distrutto.

A quel punto l’ottantaduenne ha ammesso le sue responsabilità ed è stato indagato per il reato di omicidio stradale con l’aggravante della fuga. E’ stato riconosciuto il concorso di colpa della vittima, che procedeva lungo la mezzeria, ma ciò non ha fatto venire meno le pesanti responsabilità dell’indagato, “per aver urtato violentemente con la parte sinistra dell’auto la vittima provocandogli gravi lesioni cranico-encefaliche e osteo-viscerali-toraciche che ne determinavano immediatamente il decesso, dandosi successivamente alla fuga – scrive il Pubblico Ministero della Procura di Grosseto titolare del relativo procedimento penale, il dott. Giovanni De Marco -, per colpa dovuta a negligenza, imprudenza, imperizia e violazione delle norme sulla disciplina stradale”: in particolare, l’art. 141 primo comma del Codice della Strada, che fa obbligo di regolare sempre la velocità sulla base delle caratteristiche e delle condizioni della strada e del traffico e di ogni circostanza di qualsiasi natura, onde scongiurare ogni pericolo per la sicurezza delle persone. Gli altri automobilisti in transito, infatti, il pedone l’avevano visto ed evitato.

Volendo evitare il dibattimento accollandosi le proprie responsabilità, con richiesta presentata nei giorni scorsi per il tramite del proprio difensore, l’imputato ha quindi chiesto di patteggiare la pena proponendo due anni di reclusione, con la concessione della sospensione condizionale, e il Sostituto Procuratore ha accordato il suo consenso.

Una svolta importante anche sul fronte civile perché questa assunzione di responsabilità sbloccherà la trattativa con la compagnia di assicurazione della vettura per risarcire adeguatamente i familiari della vittima: Ahmed Raji ha lasciato la moglie, una figlia e diversi fratelli che vivono in Marocco, i quali, per essere assistiti, attraverso il consulente personale Angelo Novelli, si sono affidati a Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini.