Articolo Pubblicato il 20 aprile, 2016 alle 17:36.

TESTATA: La Nazione – 16/04/2016

LA CAVA risponda della morte di lurand: basta morti sui cantieri del marmo».

La famiglia del autotrasportatore Lurand Llanaj, 32 anni, vittima dell’ennesimo incidente sul lavoro nel comparto, avvenuto nel 2014, tramite Studio 3A ha citato in causa la ditta di escavatone chiedendo un congruo risarcimento. «Il titolare di un’impresa -prosegue lo Studio – deve garantire le condizioni di sicurezza in tutti i luoghi, strade comprese, in cui vengono impiegati non solo i propri dipendenti ma anche i lavoratori autonomi». In forza di questo principio, i familiari di un autotrasportatore albanese hanno intentato una causa civile contro il legale rappresentate della ditta di Escavazione Marmi Lorano II di Carrara, dove è avvenuto l’incidente mortale sul lavoro. La citazione avanti il tribunale di Massa è stata depositata ieri, tramite lo Studio 3A, la società specializzata a livello nazionale nella valutazione delle responsabilità civili e penali, a tutela dei diritti dei cittadini, a cui la famiglia si è rivolta per avere giustizia, proprio All’indomani dell’ennesima tragedia su una cava di marmo, costata la vita ad altri due operai, a Colonnata.