Con il 15 aprile, come da apposito decreto, è finito l’obbligo di montare gomme invernali ai veicoli o, in alternativa, di portare al seguito le catene: un obbligo che, sulla sua estensione temporale, desta sempre più perplessità, considerato che in molte regioni del Paese le temperature “viaggiano” già da tempo sopra i venti gradi.

Ma possono essere utilizzati gli pneumatici invernali durante la stagione estiva? Sì, a patto però che abbiano l’indice di velocità uguale o superiore a quello indicato sulla carta di circolazione del veicolo. Infatti, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con la circolare del 17 gennaio 2014 avente ad oggetto “Impiego dei pneumatici invernali”, ha precisato che “l’uso degli pneumatici invernali consentiti, e cioè quelli con i parametri riportati sulla carta di circolazione ivi compreso l’indice di velocità, non ha restrizioni di carattere temporale e che pertanto essi possono essere usati durante tutti i mesi dell’anno solare”.

L’utilizzo degli pneumatici invernali riportanti un indice di velocità inferiore a quello prescritto è ammesso solo per il periodo durante il quale vige l’obbligo di montarli, ovvero dal 15 novembre al 15 aprile. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha tuttavia concesso una deroga di un mese dal 15 aprile per la sostituzione degli pneumatici invernali con quelli estivi, determinando che dal 16 maggio l’utilizzo degli pneumatici invernali con un indice di velocità inferiore a quello indicato sulla carta di circolazione comporta l’applicazione della sanzione amministrativa prevista dall’articolo 78 del Codice della Strada (ora da Euro 422,00 a Euro 1.697,00), nonché il ritiro della carta di circolazione del veicolo per l’aggiornamento all’Ufficio della Motorizzazione Civile.